“Chiù… ‘Tasse’ pi tutti” … i Fioranesi !!!

Come un “Cetto Laqualunque” qualsiasi, il Partito Democratico continua a vessare il Cittadino con Tasse sempre più alte – spiega il Consigliere Angelo Lupone – nel Consiglio Comunale di Aprile, il Sindaco ed il PD hanno deliberato un deciso aumento della TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili, ovvero la nuova imposta che riguarda i servizi comunali rivolti alla collettività) portandola dal 1 al 2 per mille e aumento l’addizionale IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) da 5 a 8 per mille per la fascia di reddito più alta.

“Mentre il Sindaco Tosi annunzia il suo verbo del Bilancio in equilibrio – e vorremmo anche vedere visto che si tratta di un bilancio di previsione che prevedesse conti disequilibrati – quello che non si valuta bene è che la TASI raddoppia per le prime case”. Chiosa la consigliera Ramini.

Il consigliere Amici: “I progetti di spesa del comune di Fiorano secondo l’amministrazione, si fanno andando a finanziarsi con il raddoppio della tassa TASI sui possessori di prima casa. Cioè 1,5 milioni di euro in meno per le tasche dei cittadini fioranesi che hanno la casa dove risiedono e 1,5 milioni in più da spendere per l’amministrazione per le opere cosi dette pubbliche. Infatti l’apporto derivante dall’aumento IRPEF per i redditi più alti, proprio per il numero esiguo di persone che rientra in quella fascia di reddito, sarà esiguo”.

Continua Lupone Angelo: “Ci preme stigmatizzare questo dato perché:

– non sono aumentate le aliquote dei beni di lusso, ma proprio quelle più odiose che interessano la prima casa. Che si è pagata con sacrifici, con anni di lavoro, e che tra tasse di concessione e balzelli vari si è già pagata e ripagata tre volte nell’arco di una esistenza”.

Le scelte di questa amministrazione sono esecrabili. Come le giustificazioni che si danno. Andiamo a elencarle e a confutarle.

1) – “La TASI a Fiorano rispetto ai comuni limitrofi è la più bassa quindi possiamo permetterci di aumentarla”.

– ma dove sta scritto che ci dobbiamo adeguare al peggio? Prendendo come spunto di azione chi peggio si comporta?

Perché non prendiamo come spunto politiche migliorative come quelle della Svezia? Visto che si tratta di una tassa che riguarda la casa di residenza, e per questo risulteranno particolarmente onerose per le già tartassate tasche dei cittadini.

2) – “Il 1,5 milioni cosi ottenuto andrà per progetti di scopo come la costruzione di nuove scuole, rifacimento della palestra delle Scuole Guidotti, un nuovo ponte sul Fossa, l’adeguamenti sismico del comune, il rifacimento del Bocciodromo”- La buona pratica della economia della serva dice che in periodo di scarsità di fondi non si fanno spese inutili. Siamo sicuri che 600mila euro per il Bocciodromo siano una spesa utile? Siamo sicuri che ci sia necessità di nuove scuole? Siamo sicuri che serva un nuovo ponte?

Giuseppina Ramini aggiunge: “Poi facciamoci una domanda: questo 1,5 milioni di euro di denaro che viene prelevato dalle tasche dei cittadini e andrà a finanziare queste nuove opere pubbliche, in quale circuito economico finirà? Quello delle solite cooperative che vincono le gare?”

Gruppo consiliare MoVimento 5 stelle Fiorano

Annunci

I commenti sono chiusi.